Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Elezioni Comunali’

Sarà difficile, perchè ho votato sempre, da quando ho la facoltà di scelta. Non ho saltato neanche un referendum, e ho  partecipato, sia pure un po’ scettica, alle primarie del Pd.

Ma questa volta no, alle primarie del Pd a Treviso non voterò. E ho qualche dubbio sul fatto di andare a votare anche alle comunali, diciamo che aspetto di capire chi saranno i candidati, anche della controparte. Che non si sa mai.

Perché, mi chiedo infatti, continuare a votare per una bandiera che credo simile a quella cui aspiro, quando questa bandiera è diventata poco più che uno straccetto? Se non ci tenete voi, perché devo turarmi il naso io?

Le primarie del Pd sono, a mio modestissimo avviso, raccapriccianti. Non ho condiviso fin da subito la scelta di farle così, salvo poi ventilare accordi successivi. Le primarie vere, per essere tali, DEVONO essere primarie di coalizione, se c’è un centrosinistra (ammesso, poi, che ci sia davvero).

Non che mi sarebbe cambiato granché, dato che non mi pare che il resto del centrosinistra offra migliori prospettive. I grillini, a quanto mi dicono, sostengono che il candidato non conta, conta l’idea. Sarà. Io sono ancora convinta che se voto un sindaco voto prima di tutto una persona. Gli altri nomi non ne hanno ancora fatti, aspetteranno l’ultimo momento per candidare qualche solito noto. Magari la Campagner, tanto per cambiare. Soprattutto la società civile l’ha sempre sostenuta, mi pare di ricordare, anche quando non era affatto il caso, e i risultati son sempre stati evidenti.

Quanto ai 5 candidati del Pd, più o meno interni, beh, c’è davvero qualcosa da dire? Son tutti entusiasti perchè ai gazebo sul territorio la gente si ferma, partecipa, è interessata. L’unica spiegazione seria a questo entusiasmo stuporoso è che gazebo, finora, ne abbiano fatti ben pochi. I cittadini di Treviso han sempre parlato con chi faceva i gazebo, proponendo idee, condividendo malumori e critiche, indipendentemente da chi poi avrebbe votato, e lo dico alla luce di un’esperienza di quasi otto anni, con una media, arrotondata per difetto, di un paio di gazebo a settimana.  Non ho nessuno stupore, e nessun entusiasmo rispetto a quello che a me, personalmente, pare la normalità.

Poi non entro nel merito delle singole candidature, perchè veramente, con tutto il rispetto che ho sempre avuto per chi nella competizione mette la propria faccia e il proprio impegno, un po’ mi pare di sparare sulla croce rossa.

La Lega, complici le alterne vicende nazionali e regionali, è dopo anni di comando indiscusso finalmente indebolita. Si poteva approfittarne. E invece, come sempre, ci si è impegolati in giochini di sopravvivenza. A questo gioco non mi interessa più giocare, mi dispiace, mi dispiace davvero molto, ma l’offerta politica del momento è davvero troppo misera per parteciparvi.

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: