Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Libertà di culto’

In occasione della fine del Ramadam Kounti Abderrahmane, un vecchio amico, ha rilanciato un’idea che si prova a far passare da un po’, ovvero la realizzazione di una moschea in città.
Convengo con il sindaco Manildo sul fatto che la Moschea, in questo momento, non è una priorità, ma mi pare che anche che l’idea di Kounti non fosse: ok, è il momento di fare ADESSO una moschea, quanto una proposta per iniziare una riflessione.
La mia opinione è questa: per me, che sono atea, i luoghi di culto sono essenzialmente inutili, al massimo decorativi (la CHiesa cattolica in Italia ha dei patrimoni culturali infiniti conservati proprio nelle Chiese, che giustappunto io frequento da turista ma non da praticante). ALtresì, il nostro Paese è laico, non ha una religione di Stato, anche se troppe volte può sembrare, e garantisce la libertà di culto a tutte le religioni presenti. Ovviamente, se c’è libertà di culto, ci deve essere anche un luogo dove praticarlo (personalmente trovo che affittare palestre e palasport per celebrare la fine del Ramadam sia una soluzione sgradevole, per quanto l’unica al momento possibile).
QUindi, ben vengano le Moschee, se la popolazione straniera residente le considera necessarie. Tanto più che ovunque, dove ci siano luoghi di culto per i Musulmani, il problema è non essere ostracizzati e cacciati ma riconosciuti, non è farla pagare dai cittadini italiani, ma avere i permessi per costruirla. Tra i 5 pilastri del Corano, infatti, vi è anche l’elemosina, e quindi dove ci sono situazioni di culto autorizzate, pur se in garage invece che in moschee, di solito sono prevalentemente autofinanziate.
Poi leggi i commenti agli articoli di giornale, e la critica più diffusa è: No, niente moschee! Nei paesi Arabi non si posson costruire Chiese. Vorrei davvero sapere quanti di quelli che scrivono ‘ste cazzate sentono la necessità di recarsi in Chiesa così spesso, perché ho dei dubbi, anche perché spesso nei commenti proprio questi son quelli che li infarciscono di paroline non proprio devote. Ma davvero se venissero costruite Chiese nei Paesi Islamici (che a differenza del nostro non sono stati laici ma hanno una religione di Stato) potremmo fare a cambio? O non è più probabile che si troverebbero altre scuse? Nel frattempo, che quelli che tengono alle Chiese vadano a Messa, e imparino l’accoglienza Cristiana.
Io, una moschea la vedrei bene, con calma, pensandoci, trovando il posto più adatto. Spazio ce n’è. E diritto di culto anche.
Poi, ribadisco, preferisco la laicità. E, a priori, l’accoglienza.

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: