Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Veltroni’

di Fabrizio Rondolino, da Vanity Fair del 24 giugno

Un partito che tira un sospiro di sollievo per aver perso quattro milioni di voti in un anno non meriterebbe attenzione, se non si trattasse del maggior partito di opposizione. L’ultima trovata del PD è Debora Serracchiani, prima candidata al Parlamento UE in virtù di un intervento polemico che ha spopolato su Youtube, quindi eletta a furor di preferenza (in Friuli ha battutto persino Berlusconi), e oggi candidata alla vicesegreteria del partito. Sembra che l’idea sia di Veltroni, che così bloccherebbe non si sa quale piano di D’Alema, o di Franceschini, che così rimarrebbe segretario anche dopo il congresso di ottobre: a me pare stupefacente che sia stata anche solo presa in considerazione.

Debora Serracchiani è carina, predica il “rinnovamento” e buca il video, va forte su Internet. Ma queste qualità non bastano a selezionare una classe dirigente. Per quanto stuprata dall’immagine, la politica ha ancora bisogno di sostanza per funzionare, persino in Italia. La sinistra non è mai stata così debole, divisa, impotente e rissosa. Nessuno sa esattamente che cosa sia il Pd, quale progetto abbia per il futuro del Paese, che cosa abbia da dire ai giovani sulla formazione e sul lavoro, quali alleanze intenda stringere. Smentita dai fatti la sciocchezza veltroniana dell'”autosufficienza”, il Pd si ritrova oggi conmpletamente isolato e senza identità. DI fronte a questo scenario di rovine, si appresta a celebrare il rito del “rinnovamento” incoronando una brava funzionaria di partito alla soglia dei quarant’anni. Divenuta l’icona di un rinnovamento che non si vuol fare, Debora Serracchiani sembra l’alibi perfetto, insieme alla “non-vittoria” di Berlusconi, per consentire al Pd di proseguire nel suo sprofondamento autoreferenziale.

Read Full Post »

Che casino

Neanche a noi piaceva, caro Walter, il tuo PD. Potevamo condividerne il fine, ma non ne abbiamo condiviso mai i mezzi.

Solo che adesso sarà anche peggio.

E a furia di scegliere il male minore, non c’ è più alcun bene da scegliere.

A Roma, ma anche e soprattutto in provincia.

Ora staremo a vedere.

Ancora un po’ più schifati, ancora un po’ più disamorati.

Per una volta, sarebbe bello non avere una minestra riscaldata. Sarebbe bello innamorarsi di nuovo. E’ quasi primavera…

Read Full Post »

Non lo avrei mai detto. Ero sicura che avrebbe vinto McCain. Complice la disistima che provo per il popolo americano.

E invece ha vinto Obama.

Speriamo solo che ora Veltroni non si monti la testa. Lui, con tutto questo, non c’entra davvero!

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: