Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Radicali’

Sono da sempre favorevole al Testamento Biologico, o meglio alle Disposizioni Anticipate di Trattamento, come garanzia della dignità della vita e della morte.

Non condanno le persone che, in assenza di strumenti meno cruenti e roboanti, ricorrono al suicidio per le più diverse ragioni.

Non si tratta di essere tifosi della morte invece che della vita. Si tratta sempre, a mio avviso, di stare dalla parte della dignità.

Ci sono persone che, per ragioni di salute, hanno questa scelta preclusa. Tra il serio e il faceto discutevamo una sera del suicidio di Monicelli, e pur essendo tutti d’accordo sul fatto che questo gesto avesse rappresentato un estremo atto di volontà e di dignità, qualcuno diceva “sì, ma insomma, forse avrebbe potuto scegliere un modo meno traumatico, anche per chi passa, per chi vede, per chi raccoglie”. Certo, ma se hai 95 anni e sei blindato in un ospedale, già sei stato un genio a trovare il modo di saltare la finestra.

Al di là delle convinzioni personali, in ogni caso, ritengo fondamentale che si debba regolamentare, come avviene in molti paesi europei senza che questo abbia aumentato il numero complessivo dei decessi,  né tantomeno una sorta di “turismo suicidario” , la libertà di scelta del cittadino nel suo fine vita. Laicamente, senza oneri. Che il cittadino possa scegliere a quali trattamenti sottoporsi oppure no (DAT), ma anche che il cittadino possa scegliere di concludere, con rispetto e dignità, la sua esistenza nel momento in cui, in particolari per ragioni sanitarie, non è più in grado di chiamarla tale.

Dal 15 marzo scorso è partita la campagna Eutanasia Legale. Questo il testo del progetto di legge di iniziativa popolare sul quale cerchiamo di raccogliere 50.000 firme nei prossimi 6 mesi. http://www.associazionelucacoscioni.it/comunicato/proposta-di-legge-di-iniziativa-popolare-su-rifiuto-di-trattamenti-sanitari-e-liceita.

Spero che presto in tutti gli Uffici Comunali d’Italia si possa firmare. Spero che presto, ma vi tengo aggiornati, ci saranno i tavoli per firmare anche a Treviso.

Non si tratta, ripeto, di una scelta di morte, si tratta di una scelta di dignità. Che non obbliga nessuno.Non ci saranno stermini di massa con la scusa dell’eutanasia e del suicidio assistito. E chi vorrà condurre la propria vita fino all’ultimo continuerà naturalmente a poterlo fare.

La dignità è nella libertà di scegliere, non nella qualità della scelta che si compie, che dipende esclusivamente da sé, dalle proprie convinzioni, dalle proprie credenze. La battaglia è per il diritto di farle valere, tutte.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.eutanasialegale.it

Annunci

Read Full Post »

Bastano due minuti: copiate la missiva qui sotto, aprite il sito del Quirinale www.quirinale.it, andate sull’icona della posta (in alto a destra), mettete i vostri dati, incollate il testo copiato, confermate l’invio! E poi fate circolare!!!

Caro Presidente,

ci sono questioni di fondo che un Paese – e la sua classe dirigente in primis – hanno il dovere di affrontare per non ritrovarsi un giorno privi delle fondamenta su cui si regge la nostra convivenza civile, ciò che chiamiamo “stato di diritto”. La giustizia è una di queste questioni. Nonostante la condizione vergognosa in cui versa il sistema giudiziario e la flagranza di reato che riguarda le condizioni di vita nelle carceri italiane, ben poco si muove a livello istituzionale e parlamentare. Al di là di altisonanti proclami, le misure varate finora si sono rivelate del tutto inadeguate. I Radicali da anni denunciano in ogni sede lo stato di persistente violazione di ogni principio internazionale, europeo e costituzionale che contraddistingue il nostro Paese. Milioni di fascicoli giacciono inevasi nei tribunali italiani, ogni anno centinaia di migliaia di procedimenti vanno “in prescrizione” (una vera e propria amnistia clandestina e di classe), gli istituti penitenziari scoppiano, la popolazione carceraria è composta per un buon terzo da detenuti in attesa di giudizio (!), leggi criminogene (la Bossi-Fini e la Fini-Giovanardi, la ex-Cirielli) rendono le patrie galere delle “discariche sociali”, il personale penitenziario è insufficiente, i fondi vengono tagliati, lo scopo della pena (la rieducazione) è completamente disatteso… Insomma, uno sfascio. Come soluzione efficace per uscire dallo stato di illegalità dell’intero sistema giustizia i Radicali da tempo propongono due misure d’intervento – amnisitia e indulto – diventate “tabú” grazie alla solerte opera di mistificazione portata avanti per anni da molte forze politiche e molti organi di informazione. Si badi bene: la proposta riguarda un’amnistia e un indulto alla luce del sole, non di classe, con una selezione ragionata delle categorie di reato da includere o escludere, per riportare le carceri ad una condizione di vivibilità e ridare fiato ai tribunali. Nel silenzio generale il 19 novembre è iniziata una mobilitazione nonviolenta, fuori e dentro le carceri e i tribunali, per richiamare istituzioni e cittadini su quest’urgenza assoluta. All’iniziativa – che nella fase finale accompagna l’astensione dalle udienze proclamata dalle camere penali – aderiscono non solo detenuti, familiari e semplici cittadini, ma anche molte associazioni, rappresentanti di sindacati penitenziari, medici, psicologi e capellani, avvocati e giuristi. Aderisco anch’io, perché ci sono questioni rispetto alle quali non ci si può chiamare fuori.

Fiduciosi saluti,

Read Full Post »

LIBERI DI SCEGLIERE

VOCI PER LA VITA

Per riaffermare il diritto costituzionale all’autodeterminazione e alla libertà di scelta,

per il testamento biologico, perché sulla mia vita decido io

VENERDÌ 25 FEBBRAIO 2011 TREVISO, PIAZZETTA ALDO MORO DALLE ORE 16.30

Parole, immagini, pensieri, per riflettere, capire, confrontarsi, ricordare.

Dalle 18,30 lettura di racconti, testimonianze, riflessioni di cittadini famosi e non

Aspettiamo anche te, le tue parole. Se vuoi far conoscere un tuo brano, un tuo breve racconto, una tua poesia su questo tema, vieni in piazza a leggerlo

Iniziativa organizzata da: Associazione Luca Coscioni, Associazione La Ginestra,  UAAR Treviso,   Associazione VenetoRadicale

E se mi ricordassi come mettere su wordpress il volantino, giuro che lo fare!!!

Per il diritto alla dignità della vita, per il diritto alla dignità della scelta, perchè chiunque possa decidere della propria esistenza, ti aspettiamo.

Per info cellulacoscionitreviso@gmail.com, oppure lascia un commento sul  blog. GRAZIE

Read Full Post »

Ci sono dei momenti in cui mi pare che l’unica soluzione è rinunciare alla politica e tornare nel proprio orticello domestico, magari a studiare yiddish. Non sono tanto le sconfitte, in sè, a causarmi queste riflessioni. Vincere o perdere è un accidente, qualcuno mi ha insegnato.

E ci sono poi momenti nei quali mi rendo conto che le battaglie non si possono lasciare, non ora non qui.

Oggi ho letto sui giornali on line il dibattito di Zaia e Cota sulla RU486.

RIPUGNANTE.

Ripugnante la volgarità con cui questi due buzzurri affrontano questo tema, senza sapere neanche da che parte stanno girati. E salvo ritrattare almeno parzialmente dopo la vigorosa (e in parte inaspettata, almeno per me) tirata d’orecchi dal ministro Fazio. Ripugnante per la superficialità delle motivazioni (Zaia che dice “No alla RU486 come NO agli OGM”, come se le due cose potessero in qualche modo tenersi. Come ho postato su facebook, facendo lui di tutta un’erba un fascio, probabilmente ritiene che le donne si ingravidino a suon di concime…).

Ma ancor più ripugnante per il taglio che, neoletti, questi due han dato al loro mandato. Non amministratori della cosa pubblica, ma guardiani dell’anima dei loro popoli, avanguardie della Chiesa sulla terra.

Non si tratta di manie di grandezza, no. Magari, mi vien da pensare.

Questi devono ingraziarsi il Vaticano, che li ha foraggiati di una bella pacca di voti, e per farlo si faranno paladini di questa etica pseudocristiana che, mi auguro, non sia davvero la loro. Avremmo amministratori miopi e bigotti, beghine al vespro, incapaci di governare senza cercare il placet di qualcuno, indipendentemente dal pensiero dei loro elettori, e tantomeno da quello del 40 per cento, ahimè, della popolazione che per loro non  ha votato.

Io non lo so quanto il centrosinistra sarà in grado di far fronte al bigotto e reazionario governo leghista delle regioni del Nord, non so se riuscirà a trovare l’equilibrio e la lucidità che serve per costruire una linea di opposizione laica e sincera contro questi rigurgiti davvero raccapriccianti.

Quello di cui son sicura è che la voglia di stare in casa a leggere e a curare il giardino, fingendo che non sia un problema mio, improvvisamente mi è passata.

Serve una cultura nuova nel Paese, una cultura che si liberi dai falsi moralisti alla Santoro o alla Grillo, da questi teorici dell’antipolitica che han fatto dell’antiberlusconismo la loro UNICA parola d’ordine, l’unica pietra da lanciare. Una cultura laica a 360°, sui temi dei diritti, sui temi delle riforme, sulla legalità. Su tutto

Farò la mia parte, qualunque essa sia.

E il mio primo impegno sarà a difesa della 194 e del diritto della donna a interrompere la propria gravidanza con un farmaco invece che con un intervento chirurgico.  Checchè ne dica il governatore contadino.

Alla pugna!

Read Full Post »

Mercoledì 3 febbraio, giovedì 4 febbraio e venerdì 5 febbraio dalle 16.30 alle 19.30 in Piazzetta Aldo Moro a Treviso raccolta firme per la presentazione della Lista BONINO PANNELLA per le elezioni regionali del 28 e 29 marzo prossimi. La lista sosterrà il candidato Governatore del CentroSinistra Giuseppe Bortolussi.

La lista trevigiana è così composta:

PAOLO RAVASIN,

RAFFAELE FERRARO detto RAFFO,

FABRIZIO PILOTTO,

ALBERTA GARELLI,

MARIA GRAZIA LUCCHIARI,

BRUNO MARTELLONE,

SARA VISENTIN,

GIOVANNI BRASS detto TINTO BRASS.

Possono firmare i residenti in Provincia di Treviso che abbiano con sè un documento valido di identità, e che non abbiano sottoscritto altre liste. Le firme che servono per presentare la lista sono molte, perciò invito tutti a venire a firmare. Se in questi giorni non siete disponibili, contattatemi per accordarci per altre date. Vi ringrazio fin d’ora.

Sara Email cellulacoscionitreviso@gmail.com, tel 338.1770100

Read Full Post »

 

 

PARTITO DEMOCRATICO DI TREVISO

 

Giovedì 16 luglio – ore 20.30   Hotel Ca’ del Galletto – Treviso

 

 

IGNAZIO

 

 

MARINO

 

E FELICE CASSON

 

DISCUTERANNO DI

 LEGALITA’, DIRITTI, CITTADINANZA

 SCEGLI DI CONTARE! ENTRO IL 21 LUGLIO ISCRIVITI AL PD

SCOPRIRAI CHE E’ UN BUON INVESTIMENTO.

 Hotel Ca’ del Galletto  Via santa Bona vecchia, 30  Treviso.

http://www.hotelcadelgalletto.com/index.htm

 

http://www.ignaziomarino.it

Read Full Post »

OLTRE LA PESTE PARTITOCRATICA: RICOSTRUIRE LA DEMOCRAZIA. L’ALTERNATIVA LAICA, SOCIALISTA, LIBERALE, RADICALE, AMBIENTALISTA PER RIDARE VOCE AI CITTADINI

SABATO 20 GIUGNO ORE 15:30 TREVISO Fondazione Benetton Studi e Ricerche – Spazi Bomben per la Cultura – Palazzo Bomben,  VIA CORNAROTTA 7

La recente campagna elettorale, svoltasi in un clima di palese illegalità democratica, si è contraddistinta per un dibattito tutto partitocratico e di potere che ha trasformato la consultazione in un referendum pro o contro Berlusconi, senza mai consentire la discussione sull’idea di Europa e senza che i cittadini potessero sapere cosa faranno ora i loro eletti a Bruxelles. Soglia di sbarramento per le elezioni europee, referendum elettorale per giungere ad un monopolio bipartitico senza contrappesi e monopolio dell’informazione mettono a rischio le tenuta democratica del Paese, come si vede dal tentativo di estromettere dal Parlamento europeo e italiano le forze di area laica, socialista, liberale, radicale, ambientalista. D’altro canto le prove non buone dei partiti di centrosinistra, anche nel nostro territorio, mettono a rischio la stessa esistenza del dibattito politico e della dialettica tra governo e opposizione. Per affrontare tali questioni è stata convocata una nuova “Assemblea dei Mille” a Chianciano, per il 26, 27 e 28 giugno: un’occasione per ipotizzare nuovi percorsi per uscire dalla crisi in cui il sistema democratico italiano sta sprofondando. La riflessione a livello nazionale deve essere preparata da una riflessione a livello locale, dove l’egemonia della Lega e della destra rischia di diventare elemento strutturale ed immodificabile. In questo contesto, sentiamo il bisogno di chiamare a raccolta le forze politiche e i cittadini di buona volontà, per fare tesoro delle sconfitte, lasciare alle spalle un periodo di immobilismo e aprire le porte ad progetto politico nuovo nel metodo di lavoro e nei contenuti.

L’Associazione VenetoRadicale, l’Associazione TrevisopiùEuropa e la Associazione Luca Coscioni di Treviso vi invitano a partecipare  all’assemblea di sabato 20 giugno a Treviso presso il palazzo Bomben in via Cornarotta 7.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: